50 consigli SEO per Blogger

Tutti i blogger sono o dovrebbero essere interessati a costruire una grande comunità di lettori entusiasti, ed è proprio per questo che il SEO (Search Engine Optimization) è così cruciale per il loro successo. Senza una buona visibilità sui motori di ricerca, le persone non saranno in grado di raggiungere e scoprire i vostri contenuti, anche se interessanti.

Le best practice SEO, ci spiega Jeff Bullas (famoso blogger Americano), sono guidate da Google e cambiano frequentemente. Questo post, che vi darà 50 utili consigli SEO per blogger, è ricco di link ai principali strumenti che Google mette a disposizione per l’ottimizzazione delle nostre pagine nei sui indici.

Al di là dei cambiamenti di Google, le regole SEO non sono semplici e contengono diversi tecnicismi. Questi 50 consigli, anche se importanti, sono la base di partenza per migliorare l’indicizzazione dei nostri siti. Quali altri consigli ti sentiresti di dare?

Strategia SEO

I seguenti 5 punti offrono una visione panoramica delle principali regole SEO. Probabilmente un sesto punto potrebbe essere quello di non mettere tutte le uova in un unico paniere. Un corretto uso SEO prevede un bilanciamento tra opportunità onsite (tutto ciò che riguarda il sito) e offsite (tutto ciò che riguarda ciò che punta o linka al sito).

  1. La qualità dei contenuti è il primo driver di un buon SEO onsite (inutile dire che post copiati o di scarsa qualità non aiutano in alcun modo il vostro posizionamento e la notorietà del vostro sito)
  2. Utilizzate keyword mirate, lo scopo dell’utente sul web deve essere sempre tenuto in considerazione, provate a chiedervi quale parole utilizzereste voi stessi per trovare ciò che risiede sul vostro blog
  3. Puntate sulla visibilità piuttosto che sul ranking, perché il ranking varia da utente ad utente, al contrario le ricerche vengono fatte più sui tipi di contenuti (immagini, news, …)
  4. Una crescita stabile delle ricerche organiche (attraverso motori di ricerca) è tipicamente un buon indicatore di un corretto SEO
  5. Per il link building, ricordate che la qualità è molto più importante della quantità

Regole di base per un post sul blog

I post del vostro blog non solo deve interessare lettori umani, ma deve essere strutturato in modo tale da farsi trovare da Google, da farsi leggere e far sì che venga visualizzato in modo corretto. Anche i contenuti più brillanti devono essere ottimizzati per raggiungere tutto l’audience potenziale.

  1. L’URL del post deve riflettere il titolo del post
  2. Il titolo del post (H1 tag) deve riflettere il “meta title” tag del post
  3. Il titolo del post deve includere le principali keywords, possibilmente all’inizio del titolo
  4. I titoli dei post devono essere sempre unici e rilevanti rispetto al contenuto
  5. Gli utenti WordPress possono usare i seguenti plugin per gestire il SEO: Yoast WordPress SEO Plugin or the  All in One SEO Pack
  6. Scrivete sempre un “meta description” unico e accattivante
  7. Leggete attentamente questa pagina con i consigli di Google sulla corretta impostazione di una pagina ai fini SEO
  8. Includete bottoni e icone dei social media nel vostro template per invogliare gli utenti a condividere i vostri contenuti. Il social sharing aiuta infatti il ranking

Struttura del sito

Molti template di WordPress o altre piattaforme CMS sono già costruiti SEO-friendly, ma attenzione che quando li personalizzate con i vostri contenuti potreste commettere degli errori che possono penalizzare il lavoro fatto e rendere più difficile a Google il lavoro di indicizzazione.

  1. Evitate lunghi blogroll nelle sidebar, perché numerosi link outbound possono ridurre il ranking
  2. Non partecipate in programmi di scambio link
  3. Linkate internamente post rilevanti ma in modo selettivo
  4. Evitate ancore di test ottimizzate con le keyword per i link outbound, se non nel caso siano davvero rilevanti e scorrano bene nella narrativa del post
  5. Usate  Google Webmaster Tools per identificare e correggere link rotti e altri possibili errori SEO
  6. Utilizzate un vostro dominio di secondo livello
  7. Fate in modo che tutte le pagine del vostro blog puntino a www.vostrodominio.it (sempre con il www., scopri come fare)
  8. Utilizzate un file robot.txt personalizzato e coerente con le vostre esigenze
  9. Migliorate la velocità di caricamento delle vostre pagine, facendo l’upgrade del vostro sito web, pulendo la cache, comprimendo le immagini e con altre tecniche

Composizione dei contenuti

Andando indietro di 5 anni o più, le regole SEO erano molto precise su come e dove inserire keyword rilevanti in un post. Oggi, Google è intelligente abbastanza per interpretare il significato e il tema trattato in un post, senza dover aderire in modo puntuale a queste regole: il ché è un bene per tutti i bloggers che possono così focalizzarsi su i lettori umani!

  1. Contenuti originali hanno una tripla esposizione rispetto a contenuti duplicati
  2. Non fate un uso smodato delle keyword nei post
  3. Keyword in corsivo, sottolineato o in grassetto hanno molto meno impatto di keyword scritte in testo semplice
  4. Il numero di parole non è così importante come è solito, tuttavia un post lungo otterrà un rank più elevato rispetto ad uno corto
  5. La vostra prima priorità SEO deve essere di scrivere contenuti utili, rilevanti e proprietari per lettori umani, perché è esattamente ciò che cerca Google
  6. Per cogliere le opportunità SEO dei vostri articoli, non scrivete a caso, seguite i trend in atto delle parole chiave: Google Trends

Immagini e video onsite

Le immagini e i video sono elementi che attraggono un enorme quantità di traffico. Se avete un business prettamente visuale come un sito di grafica, design o qualsivoglia business dove gli utenti potrebbero voler vedere immagini o video, è importante ottimizzare i contenuti media per garantire una corretta visualizzazione su tutti i dispositivi

  1. Utilizzate keyword rilevanti nel nome del file dell’immagine
  2. Descrivete l’immagine attravero il tag alt=””
  3. Scrivete un’introduzione accattivante al video, tratterrà i visitatori per più tempo sul vostro sito
  4. Seguite le Best practice Google sulle immagini
  5. Seguite le Best practice Google per i video

Google Authorship

Tradizionalmente Google associa il contenuto al sito su cui è pubblicato. Google Authorship è un nuovo strumento che associa i contenuti con gli autori originari di Google+. Ben presto vedremo un uso sempre più diffuso di tali strumenti come tentativo di tutela dell’opera di ingegno personale, è per questo motivo che è importante per i blogger cominciare ad utilizzare già da oggi questo nuovo servizio

  1. Partecipate attivamente a Google+ e al programma Google Authorship
  2. Dal momento che i contenuti sono indicizzati immediatamente da Google, scrivete post originali, utili e ricchi di keyword su Google+
  3. Collegate il vostro account Google+ a tutti i blog e siti per cui scrivete
  4. Quando possibile linkate gli account Google+ degli autori guest del vostro blog
  5. Utilizzate headshot accattivanti su Google+, in quanto verranno visualizzati nei risultati di ricerca

Attività Offsite

Quando il vostro blog è reindirizzato da altri siti di qualità e rilevanti, Google capisce che il contenuto del vostro sito ha autorità, è utile e interessante. Stabilire e mantenere un fitta rete di link è probabilmente l’attività più importante ai fini SEO.

  1. Coinvolgete autorevoli e rilevanti blog per creare link in entrata
  2. Invitate altri rilevanti e famosi blogger a postare sulle tue pagine in modo da rafforzare il legame con i loro siti
  3. Siate super selettivi nell’inserire il vostro blog in directory, perché in genere hanno un effetto più negativo
  4. Evitate di pubblicizzare i vostri post nelle banche di articoli
  5. Evitate di pubblicizzare i vostri post nei siti di annunci e news
  6. Rivedete costantemente il vostro network di link, cancellando quelli rotti e non più pertinenti
  7. Ottimizzate il vostro canale YouTube seguendo questa guida

Attenzione ad alcune Agenzie SEO

Molti blogger sottoscrivono servizi di società SEO o freelance per gestire tutti i temi di cui abbiamo parlato in precedenza. Ci sono tantissime persone di talento tra cui scegliere, ma al tempo stesso bisogna fare attenzione ad alcune false promesse 

  1. Evitate agenzie che promettono la prima posizione o migliaia di link al vostro sito
  2. Evitate agenzie che non hanno documentazione chiara sulle metodologie da loro utilizzate
  3. Evitate agenzie che non garantiscono report dettagliati con le attività svolte e i risultati
  4. Evitate agenzie che non hanno alcun background di clienti
  5. Evitate agenzie che tendono a parlare in un linguaggio iper tecnico e non chiaro

Ammetto che tutto ciò è tanto da digerire, ma quando si parla di SEO, questo vi assicuro che è solo un antipasto. Quali consigli SEO conosci? Quali ti hanno dato maggiori risultati?

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

50 consigli SEO per Blogger 0 100 0